me&I

Cose che capitano — week end edition

13 Commenti 04 Febbraio 2013

Questo week end è stato una delle solite altalene emotive: su su su e giù giù giù.

I bambini stanno meglio dopo la staffetta influenzale che ci ha colpito per quasi tutto Gennaio, ma ovviamente adesso il MaritoZen è a casa con la febbre.

Sabato siamo stati dai nonni dove Momo tenta di suonare la batteria e Dado lo accompagna al pianoforte. Capirete che il tutto si risolve in una truce metafora della vita famigliare: tanto caos e frastuono seppur mosso da creativi ed emozionanti entusiasmi.

Siamo però riusciti a lasciare un’oretta i pupi dai nonni per andare a fare la spesa, romantica parentesi anch’essa disarmante metafora della nostra liaison amorosa.

E poi tornando a casa nostra dopo il pranzo dai nonni accade il miracolo: due su due addormentati nei loro rispettivi seggiolini.

E lì mi si para davanti il rassegnato epilogo: anche quando dormono non ci permettono di rilassarci perché siamo stati costretti a rimanere in auto senza nulla da leggere, dovendo parlare sottovoce, coi cellulari scarichi e… un meraviglioso tramonto fuori.

Ecco i nostri bambini con quelle faccette paffute e placide, abbandonate al sonno. Tesori inestimabili. Dormono.

E fuori non piove più e noi siamo qui, in un piccolo abitacolo a tenerci la mano in silenzio.

Raccontata così sembra quasi poesia.

Se li avessimo presi e portati a casa si sarebbero svegliati e non certo di buon umore (conosco i miei polli) quindi meglio farli riposare. E, pazienza, non leggerò una pagina del libro che sto tentando di portare a termine, non ascolterò una musica che mi faccia un po’ commuovere e tutte quelle piccole cose che vorrei recuperare.

Però siamo insieme e ci teniamo forte, questo adesso mi fa mettere un passo davanti all’altro.

Domenica invece c’era “la presentazione del libro della mamma”.

Momo che urla nella Feltrinelli: Mammaaa!! Qui ci sono tutti i nostri libri, indicando lo stand con i 1001 in bella mostra.

I nostri libri.

Già, nostri.

Quanto c’è dei miei bambini, dei miei conflitti itneriori di madre, delle prospettive che la maternità ha stravolto nella mia esistenza.

Quanto c’è di noi in questo libro.

Questa è una foto di ieri, con la quale vi presento anche la mia socia, meravigliosa amica innanzitutto.

Per le amiche di Trashic

Perdonate il lucido in faccia (faceva un caldo mostruoso lì dentro e io ci ero arrivata ovviamente trafelata e con due marmocchi al seguito e marito a mezzo servizio, leggi sopra) e la mancanza di una figura intera, ma cerco di placare la curiosità sull’outfit da presentazione:

Gonna, Midali Toujours, già vista

Maglione, PetitBateau

Camicia, (ethic), già vista

Collana, Sodini

E un’ultima cosa: non mi stava partendo nessun gestaccio con la mano, è solo che mi si era anchilosato per aver sorretto il “coniglietto” per tutta la presentazione in piedi 😉

Tornando a noi è stata proprio una bella giornata. Siamo state felicissime di avere la nostra editor presente e soddisfatta anche lei. C’erano tanti amici e anche persone che non conoscevamo che per due neo-autrici non è per niente così scontato!

Il libro sta andando molto bene e qui devo un grazie enorme a tutti quelli che l’hanno comprato per sé, per regalarlo o, talvolta, semplicemente per sostenerci, grazie!

Siamo poi rimasti in compagnia di una coppia di amici con il loro primo bimbo, amico del cuore di Momo, e la seconda in arrivo a giorni… a sfogare le ansie e le fatiche e a ridere della bellezza di questa avventura di genitori.

Riusciranno i nostri eroi…

?

Adesso è Lunedì, un Lunedì di sole.

E io ho tanti desideri e progetti per i prossimi mesi. E anche per i prossimi anni.

E voglio portarmi il sole dentro. A ogni costo.

I tuoi commenti

13 Commenti fin'ora

  1. Siro ha detto:

    Tesoro. Parto con una cosa importante.
    Ricordati sempre: le persone sudano, le ballerine traspirano, le stelle splendono!
    E complimenti anche alla tua socia, bellissima anche lei.
    Quanto avrei voluto esseri ieri.
    Per la prima parte del post… che te lo dico a fa’. Il momento romantico in macchina però è stato bello. Anche a noi succede, ma le nostre sono abituate a dormire con la musica in macchina. Miracolosa è Hey you, dei Pinl Floyd. Cascano stecchite come mosche.

  2. Siro ha detto:

    ho fatto il record di errori di battitura.

  3. Duda Tissa ha detto:

    Innanziuttto complimenti per il libro che ho e che consulto con piacere 🙂 E bella, bella, bella quest’uscita di Momo con i “vostri” libri, in poche parole ha detto tutto!

  4. peccato non esserci!
    Non vedo l’ora di leggerlo!!!

  5. Semljanika ha detto:

    Cara, non ho mai lasciato alcun commento ma ti leggo da un po’ e volevo solo ringraziarti per la delicatezza con cui racconti le piccole grandi cose della vita…Il tuo blog mi ha accompagnata durante i momenti altalenanti della mia gravidanza e continua a farmi compagnia ora che sono mamma anch’io.

    Le tue parole di oggi “E, pazienza, non leggerò una pagina del libro che sto tentando di portare a termine, non ascolterò una musica che mi faccia un po’ commuovere e tutte quelle piccole cose che vorrei recuperare.Però siamo insieme e ci teniamo forte, questo adesso mi fa mettere un passo davanti all’altro.” potrebbero essere le mie. Hai descritto così bene questo stato d’animo che ti sto scrivendo ancora con le lacrime agli occhi!

    Complimenti per il libro, appena torno in Italia lo cerco in libreria.

    • caia coconi ha detto:

      grazie a te per esserti manifestata 🙂
      e tieni duro, l’altalena in fondo “era” un gioco, no?
      vengo a trovarti
      :*

  6. elo ha detto:

    conosco ora il tuo blog tramite il libro…
    brava e compliemnti
    n.b. non preoccuparti per il lucido in faccia forse brillavi di gioia

  7. NadiaC ha detto:

    Ciao, Caia

    Ho cercato in libreia il tuo libro ed è un mese che lo attendo non so perchè non riescono a trovarlo da UBIK, forse mi devo rivolgere ad un’altra libreria????

    • caia coconi ha detto:

      ho saputo che e’ gia’ in ristampa 🙂
      comunque sicuramente in un’altra libreria a circuito piu’ grande sara’ piu’ facile averlo prima. oppure da amazon!
      grazie nadia, sei un tesoro <3


Dicci che ne pensi

Scrivi un commento

© 2020 Caia Coconi. Powered by WordPress.