me&I

Appunti sparsi sull’anno che finisce

20 Commenti 31 Dicembre 2013

appunti-sparsi-sull-anno-che-finisce

Impasto il pane per stasera, ne sono felice.

I bimbi dormono col papà e io mi godo il silenzio della mia casa

troppo piccola, troppo ingombra, troppo senza ascensore, troppo a Roma che è sempre troppo invivibile e faticosa,

eppure inesorabilmente mia, nostra.

Il luogo dove sono tornata e ho trovato la gioia delle cose nascoste, dei rumori rassicuranti, dei tagli di luce poetici.

La casa mia, della mia famiglia, dei miei figli.

Impasto il pane e penso che vorrei una vita piena di queste cose ricche, fatte di farina e acqua

eppure forse se potessi farle tutti i giorni non le apprezzerei.

Impasto e sento il dolore al polso, alla cervicale e lungo tutto il braccio destro

ruoto il capo e sento anche il dolore alla schiena.

Mi convinco che insistendo passi.

Dovrei dormire, avere uno spazio libero e rilassato per il sonno, questo farebbe passare tutto.

Penso agli ultimi mesi, alla fatica della scrittura in una vita da mamma,

all’infinita carica che spesso mi si richiede prima di riuscire a ingranare,

ai progetti densi che si stanno realizzando,

allo scompenso emotivo che la malattia dei figli genera,

alla disperazione inerme che ho provato di fronte al dolore,

all’estenuante ricerca della condizione ideale per apprezzare il lato bello

cercando di ingoiare quello brutto.

E lo so che se non si accetta il risvolto oscuro nessun passo sereno potrà essere fatto,

ma non mi sento di porre questo tra i miei buoni propositi.

Io cerco ancora il sole, tutti i giorni.

Impasto e arriva la luce dalla finestra della mia cucina,

uno di loro mugugna qualcosa

l’altro tossisce

ancora silenzio.

Raccolgo tutti i residui di farina,

faccio i miei panetti.

Voglio pensare al nutrimento

questo conta.

Voglio ridare priorità al nutrimento fisico e mentale.

Partire da quello che ho.

Voglio tornare al cinema, ai libri,

voglio insegnare la musica ai miei bambini

forse risedermi al pianoforte.

Voglio tornare a teatro, sul palco e in platea.

Voglio impegnarmi nella mia piccola rivoluzione

e pensare che i miei figli saranno padri più fortunati

e vivranno la nascita come è giusto che sia.

Voglio fare ache una ciambella di pane

e allora lascio un pezzetto di impasto per dopo.

ciambella-di-pane

Perché i propositi non mi facciano partire già in apocopia d’ossigeno

ho iniziato una dieta sana da ieri

che voglio arricchire giorno dopo giorno di abitudini sane,

da inglobare semplicemente alla mia quotidianità…

una buona abitudine al giorno?

Forse troppo ambizioso, ma oggi possiamo crederci, almeno per qualche ora.

Lo yogurt fatto in casa, il labna, cereali buoni, pochissima carne, varietà, gusti semplici, tante verdure.

Correre, correre, correre.

Ho detto no a qualche commissione, per avere un tempo umano da gestire per me e la mia famiglia nei prossimi mesi.

Mi sono reinventata per essere più serena e non per diventare schiava del lavoro,

è ora di mettere in pratica.

A dirla tutta

impastando e insistendo

un po’ il dolore passa, davvero.

Buon anno,

perché sia un anno di nutrimento.

 

 

I tuoi commenti

20 Commenti fin'ora

  1. cristina ha detto:

    Buon anno, che tutti i tuoi sogni possano realizzarsi.
    Un abbraccio
    Cristina

  2. Verdiana ha detto:

    Che belle parole, mi sono emozionata…auguri di cuore per tutto il nutrimento che desideri!
    Verdiana

  3. Duda Tissa ha detto:

    E’ un bell’augurio, questo che ci fai, un anno di nutrimento sano fisico e mentale. Ne ho bisogno anch’io nonostante forse rinunci un po’ troppo ai miei mille sogni pur di trovare tempo per me e per la famiglia. Sereno anno nuovo.

    • caia coconi ha detto:

      Grazie!
      Io credo che sia il momento di affrontare la cosa nell’insieme: e se provassi a realizzare i tuoi sogni condividendoli con la tua famiglia? Cioe’: e se le cose non fossero cosi separate? 😉

  4. firmatocarla ha detto:

    Ti auguro tutto il meglio, per te e per i tuoi cuccioli. E ti ringrazio per questi scampoli di emozione, che sfioro e rimango travolta dalle tue emozioni. Ogni volta.
    Tutto il meglio e tanta tanta serenità !

  5. solitaMente ha detto:

    Che sia un anno di tutto quello che vuoi 😉

  6. eli_miss ha detto:

    Ti auguro di continuare a impastare e a insistere… io ci credo che il dolore così passa! E.

  7. Sandra ha detto:

    Buon anno cara Claudia! Leggere le tue parole rassicura e rende un po’ più forte*

  8. diana ha detto:

    Io adoro impastare e vedere il pane che cresce….adoro fare i conti alla fine dell’anno e trovo importante farlo.
    Buon anno e grazie per avermi tenuto compagnia, per avere condiviso con me qualcosa e avermi insegnato delle cose e suggerito belle letture.
    Buon anno!

  9. carpina ha detto:

    Grazie caia, l’augurio di un anno di “nutrimento” calza alla perfezione in questo periodo.. Ovviamente contraccambio di cuore..

    Pina

  10. giorgia ha detto:

    che bello leggerti e nutrirsi delle tue parole e dei tuoi pensieri… buon 2014 !


Dicci che ne pensi

Scrivi un commento

© 2020 Caia Coconi. Powered by WordPress.