me&I

Cose che avrei da dire

12 Commenti 01 Agosto 2012

  • intanto grazie degli auguri che ci avete fatto nel post precedente
  • poi scusate perché latito, ma davvero non riesco a trovare la dimensione della scrittura privata che mi legava a questo blog
  • sicuramente caiacoconi.claudiamencaroni.it evolverà. per settembre ci sono tanti cambiamenti che voglio portare nel blog e spero di riuscire a organizzare per bene
  • eppure mi manca questo spazio di sfogo
  • mi viene spesso voglia di fumare. ho smesso ormai quasi quattro anni fa e ancora allatto, quindi resta un desiderio, ma ultimamente insistente
  • dado gattona, si tira su in piedi e ha quattro denti. mangia che è una meraviglia, dorme abbastanza, e io mi sento assente certe volte ad assistere soltanto a questo treno che sfreccia e mi lascia scompigliata
  • stasera momo, per la prima volta, dopo tutti i rituali della nanna, quando il papà gli ha chiesto uno spazietto nel letto per stendercisi accanto, come ogni sera in attesa che si addormenti, momo, per la prima volta ha detto: MI ADDORMENTO DA SOLO. luisa, amica mia, succede, può succedere, non ci credo ancora neanche io.
  • sono perdutamente innamorata dei miei bambini, così diversi tra loro, così pieni di vita
  • sono abbastanza in affanno, non sono riposata, anzi sono abbastanza tachicardica
  • dopo un guest post che abbiamo ospitato su trashic, mi sto interessando di cucina e filosofia macrobiotica. provo a studiare, nei ritagli di tempo, come posso. utili gli spunti sul blog della cuoca petulante
  • ho bisogno di una pedicure seria, di un paio d’ore e — forse — mi sentirei una donna migliore
  • il web nasconde sempre sorprese, e una sera, per caso, mi sono lasciata illuminare da un post di una bloggerAmica che conosco da tempo e ho capito cosa mi serve. devo cominciare, senza pensarci, prima che sia troppo tardi. grazie, lisa!
  • sono convinta che devo partire da quello che ho per ambire a un cambiamento. voglio essere felice
  • vorrei essere un pochino meno stanca
  • qualche settimana fa abbiamo compiuto cinque anni di matrimonio
  • scrivere non è un lavoro d’ispirazione. è un lavoro artigianale e d’ufficio.
  • ho tanta voglia di leggere e perdermi. qualche consiglio per una lettura travolgente che non mi lasci scelta?
  • faccio resoconti, tiro somme e traggo conclusioni. guardo al passato e faccio considerazioni. mi chiedo dove sia finita la me di qualche anno fa. perché non faccio altro che cambiare? mi impegno in qualcosa e poi punto e a capo. ricomincio tutto dall’inizio come se dal precedente capitolo non possa conservare nulla.
  • le donne nella mia vita sono meravigliose, ho splendide amiche e socie in affari e per questo sono fortunata. amiche che resistono a due maternità abbastanza ravvicinate non sono amiche di una stagione.
  • ho la casa nel marasma più totale. avrei bisogno di una chiusa di tre/quattro giorni per un repulisti generale. l’estate mi porta sempre a riconsiderare la mia ambizione all’essenzialità. ok, non sono un tipo essenziale (questo post ne è un esempio), ma sto davvero affogando nella roba. non potendo contare su un appartamento più grande devo privarmi di qualcosa, ma non sto parlando di scarpe, non fraintendetemi.
  • a settembre momo comincia la scuola dell’infanzia. no comment
  • alla fine l’ho fatto. ho iscritto dado al nido. non so se e quando lo prenderanno, ma ho pensato che se non sta con me, preferisco stia al nido, dove è stato anche momo, e dove è stato molto bene
  • ho sonno, ed è l’unico motivo per cui smetto con questo elenco

I tuoi commenti

12 Commenti fin'ora

  1. girandolaprecaria ha detto:

    Caia, che piacere leggerti.
    Penso che in questi mesi in cui non ti ho letto sono successe tante cose che non so, e certi riferimenti non li so commentare, a parte l’evidente stanchezza – ma su quella potevamo tutti scommetterci 🙂
    se vuoi una lettura trascinante non posso che consigliarti “La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo” di Audrey Niffenegger e “Stanza, letto, armadio, specchio” di Emma Donoghue, due libri che hanno preteso di essere letti anche nel cuore della notte.
    Un abbraccio stretto

    • caia coconi ha detto:

      il primo e’ da tempo in wish list e il secondo una novita’ per me… grazie!
      un abbraccio forte anche a te, grazie!

  2. diana ha detto:

    Ciao,
    quando ho visto il tuo nome nel blogroll non ho resistito….volevo venire subito a vedere cosa avevi da dire…
    Il libro che ti consiglio “la diciannovesima moglie” molto intrigante, scritto bene,
    La scrittura oltre ad essere un lavoro è un lavoro artigianale e d’ufficio ma anche molto di ispirazione, cuore, pancia costa fatica, ma credo sia un mezzo magnifico con cui poter dire cose di se agli altri e soprattutto a se stessi.
    un abbraccio

  3. Vorrei rispondere o lasciare un commento per ogni tuo punto.. ma sono davvero troppi.. e devo ancora preparare le valigie per domani…
    Non posso suggerirti alcun libro perchè in questo periodo non riesco a trovare neanche il tempo di sfogliarne uno.. ci sono tante,tantissime altre cose da fare…
    voglio dirti solo che ti penso.. e che è bello ritrovarti qui e saperti indaffarata ma innamorata… saperti ironica ed incasinata (va bene così!).. sapere che i tuoi bimbi stanno bene e crescono…
    Per il bisogno della pedicure se può farti sentire meglio, ne ho un bisogno urgente anche io!
    Ti abbraccio cara…. ti abbraccio!

  4. Lisa ha detto:

    Prego! Come va la corsa? Tienimi aggiornata! E cosa c’è di male a cambiare sempre? E’ l’unico modo di vivere più vite, e si sa che noi donne siamo voraci. 🙂

  5. simplymamma ha detto:

    cara mi ero persa questo post…..che ha dell’incredibile ;-)eh sì certe cose accadono… un abbraccio

  6. Giulia ha detto:

    cara Caia, leggo il tuo blog perché siamo compagne di avventure, inconsapevolmente. Anche io mamma di due maschietti di 3 anni e 6 mesi. Anche io in perenne cambiamento. Anche io stanchissima.

    E, devo dire che spesso mi togli le parole di bocca, dal cuore.
    Sento che dopo l’arrivo del piccolo tante cose sono cambiate, evolute, hanno preso nuova forma. Mi sono ritrovata nella descrizione del tuo albero (radici, rami, fronde..), ma cosa è successo con questo secondo genito che non avevamo considerato? Ha davvero portato alla luce (insieme a se stesso) tanta nuova consapevolezza e una nuova versione di me e di noi come famiglia.
    Sono grata di averli e quando mi capita di avere un momento solo per me..mi sento ancora più speciale, sapendo da dove vengo e dove sto andando.

    Ti capisco nella tua esigenza di cambiamento, perché anche io dopo Giacomo (il mio piccolino), mi sono scoperta a scattare meno foto, scrivere di meno e vivere di più (ovvio adesso sono due da prendere per mano!).

    Insomma, continuerò a seguirti e a specchiarmi nelle tue avventure, in attesa del nuovo che saprai regalarci.

    un abbraccio
    giulia

    • caia coconi ha detto:

      giulia grazie di questo splendido commento 🙂
      ma lo sai che il mio piccolo momo si chiama giacomo?
      e il tuo grande come si chiama? il mio piccolo dado è riccardo.
      comunque anche io sento in quello che dici molte affinità. il sentirsi speciale perché anche quando riesco a “fuggire” so da dove vengo…
      giulia torna, ne sarei felice!

  7. Cleo ha detto:

    Caia torna a scrivere su Trashic. Senza i tuoi articoli non è più lo stesso blog di prima.


Dicci che ne pensi

Scrivi un commento

© 2020 Caia Coconi. Powered by WordPress.