lezioni di mammita'

momo, piccolo grande amore

18 Commenti 10 Novembre 2011

mio piccolo momo

che piccolo lo resterai sempre, anche ora che prendi il tuo panchetto per raggiungere vette inesplorate, che hai imparato a sfregare il cucchiaino sul bordo del barattolino per non far gocciolare lo yogurt, anche adesso che conosci la differenza tra canzoncina e filastrocca, ora che usi il passato e conti fino a cinque, sei, e a volte usi il gerundio mettendo un punto fermo per aria col tuo sguardo compunto e serio, ora che fai gli scherzetti e dici le bugie, e poi ammetti che fai i macelli.

ora vai all’asilo con papà in autobus e ti porti sempre qualcosa nello zainetto per ingannare il viaggio, mi dai un bacio e scendi diligentemente le scale da solo. e mi lasci qui tra i tuoi calzini sparpagliati per casa e il tuo pigiamino profumato e inzaccherato di dentifricio.

giorni fa seduto come un omino sulla sedia davanti alla scrivania del pediatra hai esordito, alla domanda “allora-come-vanno-le-cose?”: dottore, la mamma non sta bene. e poi per un po’ hai voluto addormentarti nella pancia della mamma, infilandoti sotto la mia camicia da notte e facendo sbucare il tuo faccino soddisfatto dallo scollo. all’asilo dici che il tuo fratellino si chiamerà felice e tutti cominciano a crederci davvero. e quando sei nel mezzo del lettone e ti chiedo chi sei, tu allunghi una mano nelle nenne, un’altra sul viso di papà e dici io putrisino*.

poi c’è pamkin, il tuo nuovo amico che ogni tanto ti fa ridere per le cose che ti dice all’orecchio, ma ieri ti ha fatto anche preoccupare perché era partito in macchina per andare da NonnoLupoDiMare, ma tu gli avevi detto che dal nonno si va in aereo. e sventolavi le mani giunte su e giù per sottolineare la gravità della cosa.

hai paura dei temporali, ma se hai i tuoi stivaletti di gomma e l’impermeabile, ti senti imbattibile. hai paura anche di totoro, il film animato di miyazaki, il primo che abbiamo visto insieme. ti spaventa, ma chiedi sempre di vederne un pezzettino. e ti piace may, la bimba piccola sempre scalza e arruffata che ti assomiglia tanto.

mi cerchi con gli occhi quando allunghi l’elastico, e chiedi baci e abbracci e coccole sul lettone. ieri sera volevi picchiare il pancione della mamma con una chiave che avevi sottratto dall’armadietto del bagno, poi prima di addormentarti mi hai sussurrato che il bimbo ti aveva detto sogni d’oro e gli hai fatto una carezza.

mi addolora la tua attesa agitata, scoordinata, allarmata e talvolta violentemente arrabbiata.

mi disarma il tuo amore, la tua spontaneità, la tua ridente e carezzevole cura, e i tuoi gesti di purezza e dedizione.

mi ferisce il tuo spaesamento,

mi guarisce il tuo respiro.

diventi così grande, amore mio, amore mio piccolo piccolo, ma la mamma è ancora qui e ti protegge, con le braccia, con lo sguardo e con il cuore, grande abbastanza, non temere.

 

 

*putrisino prezzemolo in dialetto brindisino

I tuoi commenti

18 Commenti fin'ora

  1. Serenamanontroppo ha detto:

    Mi hai fatto commuovere Caia, letue parole d’amore per Momo sono pura poesia…e vedrai che quando nascerà “Felice”, sarà tutto ancora più bello!

  2. Il tuo post sa di mamma , sa di buono, e di famiglia, magicamente accogliente.
    un abbraccio

  3. LaCasettaDelleIdee ha detto:

    Caia, sono anche io qua con gli occhi lucidi e il nodo in gola. Per alcune cose mi hai fatto ricordare il mio cucciolo quando la cucciola era nella pancia, quando venne in ospedale a riprendere me e la cucciola appena nata, con il suo giubottino blu, e due margheritine raccolte lì nel giardino…mi abbracciò forte forte e poi tutto curioso guardò la sua sorellina e le infilò un ditino nell’occhio 😉 …o mamma e adesso chi mi ferma queste lacrimucce?!
    Vedrai sarà bellissimo quando sarete in quattro, magari un po’ stancante ma trasudante di vita

  4. claudia ha detto:

    Quanto Amore.

  5. PiccolaStella ha detto:

    Le tue parole sono bellissime e questa foto è semplicemente meravigliosa!

  6. bietolina ha detto:

    ahhhhhhhhhhhhh sospriro! 🙂 pensavo sta mattina al complimese di Ale….e aquanto e come sta crescendo in fretta

  7. simplymamma ha detto:

    mi hai fatto piangere…che meraviglia!

  8. Murasaki ha detto:

    Che tenerezza! E’ dolcissima la foto con Momo che si “addormenta nella pancia”…

  9. Claudia ha detto:

    Ho le lacrime che no mi fanno neanche riuscire a scrivere liberamente questo mio commento!!!
    Forse perchè mi sembra di vivere le tue stesse emozioni… forse perchè vorrei che come momo la mia Cassandra capisca che noi ci saremo sempre… nonostante presto arrivi un fratellino…
    Forse è più la nostra paura di deluderli come mamme “uniche per loro” che ci rende così…. fragili!
    Ti abbraccio…. e abbraccio il tuo piccolo piccolo momo!!!

  10. mogliemammadonna ha detto:

    Mi hai fatto piangere.
    Mi si è stretto il cuore pensando a come era Elly quando aspettavamo l’arrivo di Pilo. Lei ha sofferto tanto, e io con lei. Forse è per questo che lei è sempre al centro dei miei pensieri e, come allora era la mia topolina, lo è oggi e lo sarà per sempre.

  11. Ondaluna ha detto:

    Solo una mamma può tutto questo.

  12. serena ha detto:

    Ho scoperto e letto tutto d’un fiato il tuo blog…grazie per condividere le tue emozioni con la poesia dei tuoi post…adoro la foto!!siete bellissimi e mi avete strappato un sorriso!

  13. raffaella ha detto:

    Solo una mamma può avere parole così piene d’amore per il suo piccolo ometto che cresce!
    Sarai una bismamma fantastica!
    Raffaella

  14. kikka ha detto:

    🙂
    dolcissimo post!…

  15. aspirantemamma ha detto:

    Hai ragione perché l’amore non si divide, ma si moltiplica! Quella foto è meravigliosa, davvero.

  16. diana ha detto:

    bel post…lacrimuccia!
    Siete belli!

  17. solitaMente ha detto:

    Foto, parole, emozioni … cosa si può dire/fare/scrivere di più!!!


Trackbacks/Pingbacks

  1. Un blog di poesia (IV Tappa della CaT 2012) - 3 Agosto 2012

    […] “Mamma di una caramella di zucchero e mirtillo e di un piccolo acrobata pigrone”, le sue lettere a Momo sono […]

Dicci che ne pensi

Scrivi un commento

© 2019 Caia Coconi. Powered by WordPress.