gravidanza&dintorni

come sto.

40 Commenti 07 novembre 2011

eccomi qua, ancora decisamente incinta.

ma a dire il vero molto più rilassata.

adesso se brufolo vuole arrivare siamo tutti pronti a parare il tiro.

certo, sempre meglio che resti qualche altra settimana al calduccio, ma se proprio ha fretta, siamo finalmente fuori pericolo!

io sto così. alti e bassi, classici disturbi da ultimo mese (oddio, classici… con momo stavo decisamente meglio, a sto giro mi sento un catorcio), ormoni impazziti e voglia di solitudine.

in genere non sono la tipa eremitica, ma negli ultimi tempi mi sono accorta di gestire male la confusione.

proprio stamattina pensavo che se fosse stata la prima gravidanza (se non avessi quindi un senso di protezione nei confronti di momo che vince su qualsiasi altra cosa) me ne sarei andata in un posto lontano, da sola, a partorire in mezzo al nulla.

non ho nessuna voglia di farmi dire dagli altri come sto o come dovrei stare. non ho voglia che la gente metta il becco, che mi dica che sono arrivata o che siamo vicini o che siamo lontani. non ho voglia di aprire le gambe davanti al mondo che si mette a contare i centimetri e a dire cosa devo fare.

io vorrei solo starmene accucciata sotto una coperta di lana e aspettare il momento.

vorrei solo sentire il battito del mio piccino da dentro e non da onde meccaniche. vorrei star lì ad ascoltare e agire di conseguenza. so già che non accadrà e mi faccio forza, non senza la fatica di abbassare la testa.

abbassare la testa è un’azione che non mi si addice, ci riesco poco. e l’unico motivo per cui questa volta lo faccio è qualcosa di superiore a me stessa: l’amore per momo e il rispetto per il patto d’unione con lui, il mio pezzo mancante.

so già che mi costerà fatica aprire la porta e scendere le scale, respirando sul dolore che mi porterà questo piccolo acrobata tra le braccia. so che mi costerà una fatica immane sedermi in auto e farmi portare in ospedale e lì restare fiduciosa nel corso della vita e della natura. lo farò a testa bassa, ma lo farò.

mi auguro solo che il mio corpo abbia la meglio. perché è l’unica cosa in cui credo.

i preparativi son finiti, ho persino completato i due borsoni: il mio e quello di brufolo per l’ultimo viaggio che faremo uno nell’altra.

ci sono i lenzuolini stirati sulla culletta, per la sua prima notte nella sua casa in attesa.

tutte le cose pratiche son state sbrigate, forse per quello fuggirei, perché ormai è solo una questione di… attesa.

che strano, sbrodolo parole, non so neanche se poi messe così in fila diano davvero un’immagine reale di ciò che sono adesso.

adesso che sono arrabbiata, che sono innamorata, che sono delusa, che sono felice, che sono speranzosa, positiva, che sono triste e anche un po’ abbattuta, che sono felice, l’ho già detto, ma come non esserlo?, che sono stanca, assonnata, fastidiosa e sono leggera, gravida di vita e desiderosa di quiete, di silenzio e pace, ma anche di correre di nuovo. che ho una voglia matta di annusare questo piccolo me, voglia di lasciarlo andare per conoscerlo davvero e voglia di restare attaccata a queste giornate autunnali il più a lungo possibile perché possa essere ancora, un poco, solo mio.

 

I tuoi commenti

40 Commenti fin'ora

  1. mammachetesta ha detto:

    Ci sei quasi, hai superato tanto, supererai anche l’attesa e il blablabla.
    Ora smetto il mio.
    Ma vi lascio un bacio.

  2. Nora ha detto:

    “Non ho nessuna voglia di farmi dire dagli altri come sto o come dovrei stare”. Io la penso allo stesso modo e sono moooolto più indietro di te… è grave??!! 🙂

    Un abbraccio!

  3. Serenamanontroppo ha detto:

    Che bella che sei Caia, così incinta e sempre così fashion…lascia che il mondo parli, mentre ti godi i tuoi affetti più cari, il pancione e la relativa attesa. Un bacio.

  4. simplymamma ha detto:

    io davanti ai tuoi post resto senza parole…solo emozioni! grazie

  5. LaCasettaDelleIdee ha detto:

    Che bella che sei! Se ti può essere un pò d’aiuto ti dico che con il secondo è diverso dal primo, e grazie mi dirai 😉 …intendo che con il secondo non ti danno tutti quei consigli non richiesti e fastidiosi.

    • caia coconi ha detto:

      ma infatti non sono i consigli che quelli se non altro ho imparato ad arginarli sul nascere 😉
      e’ proprio l’invadenza, la presenza. e’ una sensazione strana, molto animale. una necessita’ di isolamento/

  6. Sei davvero bella con il tuo pancione e ti auguro il meglio.
    Puoi sempre “dar di matto” e dire che è stata colpa degli ormoni? :-p

  7. MgM ha detto:

    Letto, riletto, ri-riletto. Pura poesia. Per me qualche lacrima e tanta paura-voglia di vedere il mio. Grazie mamma poetessa!

  8. kikka ha detto:

    sei bellissima, altro che catorcio!!
    coraggio caia!…
    e poi ha ragione “bruskamente”: alle donne incinta si perdona tutto… sono gli ormoni!! 😉

  9. diana ha detto:

    hai ragione, gli ultimi giorni in cui si è ancora l’uno nell’altro è difficile staccarsi anche se la voglia di vedere il bimbo è tanta.
    Tu non farti dire come stai, stai e basta e a testa alta difendi il tuo sapere e il saper fare del tuo corpo…e gli altri? attendano che tu compia l’atto più bello e intimo del mondo!
    due baci!anzi tre!

    • caia coconi ha detto:

      🙂
      son giorni di sospensione.
      stamattina per esempio ci davamo il buongiorno abbracciati tutti e tre con momo e marito, e brufolo ha iniziato a budinare nella pancia… e ho proprio pensato: questo buongiorno e’ solo per me 🙂

  10. bietolina ha detto:

    nonostante tutto…stai dadddddio! 🙂

    smacks

  11. aspirantemamma ha detto:

    tutto questo groviglio di emozioni, che hai detto così bene….tu in fondo lo sai, è uno stato di grazia, un periodo così speciale e strano, e lungo e breve. Dopo sarà ugualmente stupendo, forse di più, ma sarà diverso, perché ogni attenzione e ogni pensiero sarà catalizzato da quei due ometti vicini ma fuori di te…non so se ho detto una stupidaggine, ma per me è stato così. Niente, era per dirti di assaporare fino in fondo questo stato di attesa, di sospensione, si concentrazione sul tuo corpo e su quel miracolo che sta creando…ma tu lo sai già 🙂

  12. stellegemelle ha detto:

    in bocca al lupo…..che belle emozioni…anche quelle negative :))
    goditi i momenti…come pare e piace a te…..
    un abbraccio

  13. Murasaki ha detto:

    Ma come fai ad essere così fashion anche all’ultimo mese di gravidanza?! Ti adoro e ti mando un abbraccio!

    Mura

    • caia coconi ha detto:

      era domenica e avevo avuto qualche minuto in piu’ per indugiare davanti all’armadio…
      lo sai che (a parte i mutandoni guainati che non si vedono 😀 ) sono tutti vestiti miei precedenti?
      niente premaman 😉

  14. raffaella ha detto:

    Bellissima Caia, il tuo post mi riempie il cuore di gioia ed emozioni, e quasi quasi (ripeto quasi quasi) mi viene proprio voglia di farne un altro anche a me…:)
    Ma ho una fifa boia, della gravidanza, calcolando che per matteo ho vomitato x 6 lunghissimi mesi, e sono stata malissimissimo! E poi non so proprio se sarei capace di accudirne due, il nervosismo lavorativo è alle stelle in questo momento!
    Poi ti guardo cosi super faschion con quel pancione e vedo una grande gioia nei tuoi occhi. Dai che ci sei quasi, aspettiamo con te.
    Ti abbraccio forte, e una strizzatina forte forte a Momo.
    Raffaella

    • caia coconi ha detto:

      grazie raffaella!
      sai, anche io avevo molta piu’ “paura” di gravidanza e parto che del dopo… spero appunto di aver superato lo scoglio piu’ arduo 😉

  15. Nepitella ha detto:

    Sei bellissima!!! pensa la tua pancia a 36 settimane è grande poco più della mia che sono a 25… le tue sensazioni sono comuni… capitano anche a me e giù adesso, sarà forse che anche per me è la seconda volta e quindi sappiamo cosa ci aspetta 🙂 In bocca al lupo dai che manca pochissimo

  16. Mammamicia ha detto:

    ciao Caia, stai proprio benone! ti capisco tanto e condivido tutto! e mi hai fatto rammentare che è ora di darmi una bella mossa, perchè anche se sono un po’ più indietro di te (31week), il tempo vola… vestiti, valigia, culla TUTTO da preparare… un abbraccio… con la pancia

    • caia coconi ha detto:

      io ho fatto tutto molto lentamente e sconclusionatamente, ma sembra che alla fine sia riuscita a preparare almeno il necessario. per il resto… last minute come sempre 😀

  17. silvietta ha detto:

    sei perfetta: il lavoro che hai fatto in questo sito, tutto l’entusiasmo su trashic, il tuo sorriso e la capacità di essere ispirante anche alla 36^ settimana e poi. .. si concordo ancora una volta, non è solo fuga dall0’invadenza dei consigli. è un isolamento animale, quasi un raccogliere le energie. come il seme sotto la terra sotto la neve… buona “fine” dell’attesa. ti penso. silvietta

    • caia coconi ha detto:

      grazie, cara. riesci sempre a cogliere quello che c’e’ tra le righe e che si rivela l’essenziale.
      grazie, grazie, ti abbraccio

  18. Federicasole ha detto:

    Ciao Caia, sei bellissima, solare, gioiosa e piena di luce che metti allegria a vederti!Hai ragione a temere l’invadenza altrui, anch’io ero felice quando era nella mia pancia perchè la sentivo solo mia, dopo tutti a metterci il becco, ma adesso sei preparata e saprai rimetterli al suo posto e creare il tuo spazio tranquillo di condivisione con la nuova vita in arrivo!In bocca al lupo!bacioni!

    • caia coconi ha detto:

      grazie!
      in realta’ ho piu’ difficolta’ a gestire l’invadenza ora e durante il parto che dopo.
      anche per momo e’ stata cosi… son strana, eh?

  19. Roby ha detto:

    perché parli di “abbassare la testa?”

    conosci questo libro?

    http://www.altica.it/nati/index.html

    (si può leggere quasi tutto su internet tranne i racconti dei parti, veramente commoventi, diversi, di scelte e di casualità… restare a casa, andare in ospedale, scelte razionali e scelte apparentemente strampalate).
    il mondo è bello perché è vario

    un abbraccio

    • caia coconi ha detto:

      ciao roby, grazie del link!
      sai, credo che sia difficile entrando in un ospedale non trovarsi ad abbassare la testa.
      mi auguro che questa volta la “casualita’” sara’ in mio favore.
      pero’ a pensarci e’ veramente triste doversi affidare alla fortuna per una cosa cosi importante.
      ma preferisco accantonare la questione per ora, poi magari ne parliamo quando tutto sara’ passato 😉

  20. Cristina ha detto:

    Sono capitata per caso sul tuo blog, ogni tanto leggo mentre aspetto che arrivi il giorno della mia chiocciolina.. che belle le parole alla fine di questo post, grazie!


Trackbacks/Pingbacks

  1. Colori d’autunno | Trashic - 7 novembre 2012

    […] mettere tutti i miei vestitini che non hanno visto la luce per due anni. L’anno scorso infatti di questi tempi ero incintissima e a fine inverno più grossa e non molto in vena di sbizzarrirmi. Quindi sembra quasi di fare […]

Dicci che ne pensi

Scrivi un commento

© 2017 Caia Coconi. Powered by WordPress.